Menu
Venerdì 25 Maggio 2018
Quotidiano indipendente d'informazione alternativa anno XVII

Una mostra "giurassica"

Una mostra "giurassica"

Da buon “ammiratore” dei dinosauri non ho voluto mancare a questo appuntamenti coi miei bestioni preferiti, largamente pubblicizzato e accompagnato da altri 3 eventi di varia specie: Brikmania, la chiacchieratissima Real Bodies, causa nell’edizione precedente perfino di malori, e la Scientopolis.

In un clima “giurassico” con buio pesto, eruzioni vulcaniche e paesaggi giganteschi ci addentriamo in questi corridoi e ammiriamo la perfetta realizzazione degli animali, con tanto di versi e movimenti delle code e apertura delle fauci spaventose. Ben riprodotti a grandezza naturale nel loro antico habitat, nessun dubbio, dal terrificante Tyrannosaurus Rex al pacifico Brontosauro, fino ai volatili, gli Ptenarodonti con 3 metri di ali.

Interessante anche un breve filmino di circa 20 minuti sull’evoluzione della specie, da guardare con gli occhialini 3D forniti all’ingresso e poi omaggiati ai più piccini per la loro gioia.

Detto di tutto il buono, però, iniziamo con le contestazioni, mie personali ma anche condivise con altri visitatori all’uscita.

In sostanza questa mostra mi è apparsa una sorta di “sorellina minore” di quella allestita qualche anno fa alla Fiera di Roma in quanto il percorso qui è stato molto più breve, ma non è questo il punto dolente, quanto piuttosto che non mi è sembrata propriamente un’operazione dalla parte del cittadino: un elemento di contestazione è stato sollevato da alcuni docenti che immaginavano di utilizzare, appunto, la Carta del Docente per pagare l’ingresso, come indicato su vari siti, salvo poi sentirsi dire al botteghino che “non c’era linea” per farlo.

Passando poi alla valutazione del prezzo, beh… 13 euro gli adulti (15 per la Real Bodies) e 9 euro i bambini per un giro da 15 minuti circa (filmino a parte, d’accordo) non sembra proprio un prezzo proletario, soprattutto se si pensa alla tradizionale famiglia di 2 genitori e 2 bambini (totale 44 euro per 35-40 minuti di visita). Volendo fare indigestione di cultura e fare il biglietto completo delle 5 mostre si passava a 29 euro il biglietto adulti e 22 euro quello baby (102 euro nel caso della stessa famiglia), e nel caso di acquisto in prevendita on line, con i relativi diritti, 33 e 26 euro (totale 118 euro). Insomma, non proprio per tutti… soprattutto per un percorso che, ribadisco, per quanto si volesse mirare e rimirare ogni singolo esemplare, si esaurisce in circa 15 minuti (una decina di animali).

Tanto per infierire, nonostante la fine di uno degli eventi (fino a qualche giorno fa c’era anche la Cosmos Discovery) questi prezzi non sono stati assolutamente toccati, neanche in vista della chiusura definitiva del 1° maggio.

Se aggiungiamo che a fronte di questo prezzo, troviamo pochi bagni sporchi, maleodoranti e neanche divisi tra maschile e femminile, beh… onestamente mi sono sentito piuttosto in credito, solo in parte ripagato da quanto avevo visto con la Dinosaur Invasion… spero sia andata meglio a chi ha visitato le altre mostre.

Alessandro Tozzi

Devi effettuare il login per inviare commenti