Menu
Venerdì 15 Dicembre 2017
Quotidiano indipendente d'informazione alternativa anno XVII

La regione Lazio assume al San Camillo medici non obiettori

La regione Lazio assume al San Camillo medici non obiettori

Diventa un caso l'assunzione da parte dell'ospedale San Camillo di Roma di 2 ginecologi non obiettori.

Sono entrati nell'équipe con un concorso riservato unicamente a medici che non si rifiutano di interrompere la gravidanza; presteranno servizio "nel settore del Day Hospital e Day Surgery per l’applicazione della legge 194". Protesta la Cei che denuncia: "Non si rispetta un diritto di natura costituzionale qual è l'obiezione di coscienza". Altolà del ministro alla Salute Beatrice Lorenzin che parla di una selezione non prevista dalla legge. Di parere diverso la deputata Pd Marietta Tidei: è un atto di civiltà verso le tante donne che hanno vissuto l'aborto come un calvario. Se i due ginecologi del San Camillo si dichiarassero poi obiettori, potranno essere licenziati.

Devi effettuare il login per inviare commenti