Menu
Giovedì 23 Novembre 2017
Quotidiano indipendente d'informazione alternativa anno XVII

Hockey NHL: Anaheim e Chicago qualificate a tutta forza

Hockey NHL: Anaheim e Chicago qualificate a tutta forza

Poche sorprese ma molte belle partite nel primo turno dei playoff NHL 2015.

Nella Western Conference nessuna serie è giunta a gara 7, mentre si è registrato qui l’unico sweep dell’intero tabellone, con il 4-0 rifilato da Anaheim a Winnipeg. I malcapitati Jets hanno sfiorato la vittoria solamente in gara 3, perdendo davanti ai propri tifosi per 5-4 in overtime, ma per il resto non c’è stato davvero spazio per i canadesi.

Anaheim se la vedrà al secondo turno contro un’altra squadra canadese, i Calgary Flames, capaci di ribaltare il pronostico eliminando in 6 partite i Vancouver Canucks. Calgary ha vinto 3 delle prime 4 gare, poi i Canucks hanno avuto un moto d’orgoglio vincendo di misura gara 5 ma nella sesta hanno ceduto davvero male, prendendo ben 7 reti. Certo, è difficile immaginare come i Flames possano battere anche Anaheim, che prevedo in finale di conference con 6 partite al massimo.

Anche nella parte alta del tabellone della Western Conference c’è una netta favorita che difficilmente potrà farsi sorprendere. Si tratta degli Chicago Blackhawks, che hanno eliminato in 6 (splendide) partite i Nashville Predators, colpevoli solo di essere stati sfortunati nell’accoppiamento di postseason. Delle 4 gare vinte, Chicago se n’è aggiudicate due in rimonta ai supplementari (gara 1 al secondo overtime, gara 4 addirittura al terzo), e ha poi chiuso la serie in gara 6 con un 4-3 combattuto fino all’ultimo secondo. I Predators ce l’hanno messa davvero tutta, e avrebbero anche meritato di giocarsela fino a gara 7, ma Chicago ha potuto contare su un sontuoso Jonathan Toews (3 gol e 5 assist) e sulla clamorosa scoperta di un nuovo portiere titolare, Scott Darling, entrato in campo in gara 1 dopo 3 disastri di Crawford e non più uscito.

Gli Hawks se la vedranno con l’unica, vera sorpresa clamorosa di questo primo turno, i Minnesota Wild, che hanno mandato in vacanza dopo sole 6 partite i St. Louis Blues, cui non sono bastati i 6 gol di Tarasenko e gli 8 assist di Shattenkirk per evitare l’ennesima eliminazione prematura. Gli Wild hanno giocato con un’intensità davvero notevole, hanno gestito benissimo i power play e hanno trovato in Dubnyk un portiere all’altezza della situazione. L’impressione è che abbiano dato molto, quindi è probabile che non abbiano ancora granché da spendere per superare uno squadrone come Chicago.

Passiamo alla Eastern Conference, dove un paio di serie sono state lunghissime e anche le altre hanno regalato un livello tecnico ed emozionale globalmente superiore rispetto a quello dell’Ovest. Partendo dall’alto, la prima qualificata è Montreal, che ha regolato in 6 partite Ottawa. I Canadiens conducevano 3-0 dopo altrettante gare, ma da qui a dire che hanno dominato ne passa. Le tre suddette vittorie sono infatti arrivate per 2-1, 3-2 e ancora 2-1 (le ultime due entrambe in overtime), con i Senators davvero bravi e, a tratti, sfortunati. Ottawa si è presa gara 4 per 1-0 e ha poi dominato gara 5 a Montreal per 5-1, prima di subire il ritorno dei Canadiens, che hanno chiuso 2-0 gara 6. Montreal forte e assolutamente concreta, ma deve crescere da subito, perché la prossima avversaria è la sua bestia nera.

Anzi blu, visto il colore delle maglie… parliamo dei Tampa Bay Lightnings, che hanno eliminato in 7 partite Detroit. Serie bella e difficile, come previsto, apertasi con la clamorosa vittoria in rimonta dei Red Wings in trasferta. Il momento chiave è stato il match ball che Detroit ha avuto in gara 6 sul proprio ghiaccio: lì ha fallito, lasciandosi dominare 5-2 da Tampa straordinariamente ispirata in attacco. Gara 7 si è decisa solo al terzo periodo, e dopo che Detroit aveva costruito più di Tampa, con un bel gol di Coburn e un altro fortunoso di Callahan in situazione di empy net. È interessante notare come, nei 5 incontri disputati in regular season, Tampa Bay abbia sempre battuto Montreal. Quanto a Detroit, dopo la terza eliminazione al primo turno in 4 anni, potrebbe essere al capolinea, dopo 10 anni, la guida tecnica di Babcock.

Nella metà bassa del tabellone della Eastern si affronteranno New York Rangers e Washington Capitals. I Rangers hanno gestito con grandissima personalità e attenzione le partite con Pittsburgh, non concedendo mai spazi aperti e situazioni ad alto punteggio. Non è un caso se l’unica partita con più di 3 reti segnate è stata l’unica vinta dai Penguins (gara 2), mentre tutte le vittorie dei Rangers sono arrivate per 2-1. Strepitoso Lundqvist e deludentissimo Crosby, che si sta mettendo addosso il marchio di giocatore da regular season.

Ben più duro il lavoro dei Capitals, cui sono servite 7 partite per eliminare l’altra squadra newyorkese, gli Islanders. Ovechkin non ha dato notizie di sé, ma per fortuna sua e dei tifosi di Washington ci hanno pensato Backstrom (3 gol e 3 assist) e un grande Holtby tra i pali a tenere in piedi la squadra. La chiave di volta della serie è stata gara 4, con New York avanti 2-1 e in casa propria; lì i Capitals si sono esaltati, vincendo 2-1 all’overtime, e conquistando di slancio (5-1) anche gara 5. Buona la reazione di N.Y. in gara 6, ma l’inerzia della serie aveva ormai cambiato padrone.

Gianluca Puzzo OneSportOne

Potrebbe interessarti anche

Devi effettuare il login per inviare commenti